Fattori di rischio
In circostanze ad essi favorevoli, i batteri riescono ad innescare un processo cariogeno molto facilmente. Le cause endogene ed esogene possono infatti essere supportate da ulteriori fattori di rischio:
 Età: la carie è una tipica (ma non esclusiva) malattia dell'infanzia, periodo in cui i bambini sono particolarmente attirati da dolciumi, zuccheri e golosità di ogni tipo. Da considerare inoltre un importante fattore costituzionale: in tenera età, i denti sono più esposti al rischio di carie perché il grado di mineralizzazione dentale è nettamente inferiore rispetto a quello di un adulto.
In generale, l'età più favorevole all'insorgenza di carie è compresa tra i 4 e gli 8 anni e tra i 13 ed i 18.
 Sesso: malgrado le differenze nella frequenza di processi cariogeni tra i due sessi siano pressoché irrisorie, le statistiche rivelano che la femmina è lievemente più predisposta alla formazione di carie dentali.
• Razza: sembra che anche la razza influisca nella patogenesi della carie. Negli USA, ad esempio, gli individui di razza nera che vivono nelle medesime condizioni della popolazione bianca sembrano essere meno suscettibili a processi cariogeni rispetto ai gruppi di carnagione bianca.
• Gravidanza: l'incidenza della gravidanza nella patogenesi delle carie rimane tuttora una questione aperta. Se da un lato le statistiche ne rivelano una scarsa correlazione, dall'altro le evidenze cliniche osservano un sensibile aumento di nuove lesioni cariose proprio durante la dolce attesa.
 Alcune malattie: la presenza di alcune patologie gravi può favorire la formazione di fenomeni cariogeni. Tra queste, si annoverano: febbre tifoide, anemia, vomito incoercibile, diarrea cronica, disturbi del comportamento alimentare con vomito autoindotto, e tossicodipendenza.
 Scarsa igiene dentale: un'insufficiente rimozione dei residui alimentari e della placca è direttamente collegata alla comparsa della carie. I batteri - attratti dai frammenti di cibo imputridito e non rimossi con filo interdentale, spazzolino e dentifricio - possono facilmente dare origine alla carie: aggredendo dapprima lo smalto, i microorganismi bersagliano la dentina, fino a raggiungere la polpa dentale.
Da quanto detto, si comprende facilmente come sia indispensabile dedicare quotidianamente, e più volte al giorno, alcuni minuti del proprio tempo all'igiene dentale: denti sani e forti costituiscono un (quasi) inattaccabile scudo protettivo contro l'insorgenza di carie.
 
 
 
 
 
Back to Top